FILTRAZIONE MECCANICA

 

La corretta eliminazione dei solidi in sospensione è uno degli elementi chiave che determinano il buon funzionamento dei sistemi di ricircolazione.

Queste sostanze in sospensione non solo limitano la trasparenza , ma portano anche impatti negativi sulla qualità dell’ acqua, e sul rendimento dei sistemi di trattamento acqua di conseguenzza possono limitare lo sviluppo di molte specie acquatiche.

 

 

L’ eliminazione di queste particelle si può effettuare  con differenti sistemi in funzione della necessità specifica di filtrazione.


 

- Filtri a tamburo

 

- Filtri a sabbia

 

- Filtri a cartuccia

 

- Filtri a borsa

 

 

E’ pratica nota in molte installazioni provvedere ad una eliminazione dei solidi sospesi in due parti: una prima separazione dei solidi più grossolani con un sistema di sedimentazione (sistema statico o mobile), seguita da una filtrazione dove si estraggono le particelle più fini, in questo modo la filtrazione è molto più efficace e necessita meno assistenza.

 

 

FILTRAZIONE MECCANICA: Filtri a tamburo

 

Il principio di funzionamento è semplice: il liquido che si deve filtrare è indirizzato verso un tamburo rotativo. La periferia del tamburo è composta da solide placche perforate in acciaio. Le impurità più grosse dei fori rimangono bloccate nella parte inferiore della placca filtrante.

 

Il tamburo gira  lentamente (3- 8 rpm, dipende dal modello)portando le impurità fuori dall’ acqua. Un gradino per il risciacquo situata nella parte superiore del tamburo, pulisce di conseguenza le placche per evacuare le impurità nel canale di  uscita degli scarichi.

 

I filtri sono strutturati per resistere ad ogni corrosione, sono costruiti in acciaio inossidabile AISI 304L o in acciaio inossidabile AISI316L per le applicazioni in acqua salata.

 

Necesssitano di minima assistenza. La peculiarità di questi filtri è derivata dalla placca di filtrazione. Costruita totalmente in acciaio inossidabile, si può sostituire in pochi minuti per mezzo di un sistema di inserti esclusivo.


 

I filtri a tamburo sono forniti in vari modelli in funzione delle necessità e delle portate da trattare:


 

 

I filtri sono disponibili per filtrare da 25um fino a 120um e per una portata da 30 m3 /h fino a 2.700 m3/h

 

Possono essere forniti con i seguenti accessori:

 

- Quadro elettrico di controlllo e comando. Quadro elettrico di protezione e comando con indicatori e selettori. MANUALE/FERMO/ AUTOMATICO,

Costruito in plastica rinforzata con fibra di vetro con grado IP 65

 

- Pompa di controlavaggio. Pompa verticale di acciaio inox 304L o 316L. La pompa è fornita standard completa dei raccordi in Pvc, 3 metri di tubo di aspirazione e 3 metri di tubo di pressione

 

- Controllo di livello battente d’ acqua. Una sonda di livello verifica e controlla la maglia filtrante del filtro (variazioni di livello di acqua nel filtro) ed invia un segnale al relè di livello temporizzato, disposto n un armadio elettrico di comando, che attiva l’ avvio della pompa di alimentazione e la rotazione del tamburo per alcuni secondi.


 

 

 

 

Salire

 

 

 

FILTRAZIONE MECCANICA. Filtri a sabbia

 

É disponibile un’ ampia gamma di filtri a sabbia per differenti portate e forme di utilizzo. Sono filtri prodotti in laminato e fibbra di vetro, riempiti con un madia filtrante di sabbia naturale con un alto contenuto di silice e con una greanulometria da 0,5 a 1,0 mm. Oltre allo strato di media filtrante , si dispone  uno strato di supporto con un media più grosso formato da ghiaia (fino a 5 mm)

 

Oltre ai tradizionali filtri a sabbia verticali, esistono anche filtri orizzontali più adatti in quei casi in cui è necessario trattare grandi volumi di acqua ottimizzando lo spazio disponibile.

 

Ci sono dei parametri molto concreti che devono essere presi in considerazione nel momento in cui si valuta un filtro a sabbia più adatto per il tipo di installazione:

 

- La velocità di filtrazione: Indica il volume  di acqua che si filtra per unità di tempo e per unità di superficie. A minor velocità si trattengono particelle più piccole, aumentando notevolmente la velocità di filtrazione. Per filtrazione in acquacoltura e acquariofilia si suggeriscono velocità fra 20 e 30 m3/h/m2.

 

- L’ altezza del letto filtrante: Una maggior altezza del letto di sabbia permette un maggior volume per trattenere particelle e per tanto incrementa il rendimento del filtro. L’ altezza del letto filtrante suggerita è di 1,2 m per potere anche disporre l’ utilizzo di letti filtranti multimedia.

 

- Il media filtrante utilizzato: A minor granulometria la grandezza delle particelle trattenute diminuisce però aumenta la pressione necessaria per filtrare l’ acqua. La misura adeguta per la filtrazione più comunemente utilizzata va da 0,4 a 0,8 mm. La ghiaia utilizzata come supporto può presentare una granulometria da 1 a 2 mm e si utilizza per coprire il sistema di collettori, favorisce il drenaggio dell’ acqua e il lavaggio del filtro.


- Il sistema di collettori del filtro: Si tratta di elementi interni del filtro che permettono di raccogliere l’ acqua filtrata e canalizzarla filo allo scarico del filtro. La disposizione è molto importante durante il controlavaggio della sabbia, in quanto devono distribuire l’ acqua in modo uniforme. Si dispone di due tipi di sistemi collettori.

 

- Il sistema a bracci collettori, dove dei tubi perforati sono disposti a spina o a stella. I bracci si uniscono ad un collettore in collegamento allo scarico del filtro.

 

- Placche ad ugelli. Si tratta di una placca orizzontale disposta nella parte bassa del serbatoio sopra la quale si posa il media filtrante. Sopra questa base si distribuiscono uniformemente un numero determinato di ugelli perforate adibite al convogliamento dell’ acqua filtrata. Questo sistema permette un’ eccellente distribuzione dell’ acqua durante il controlavaggio ed è molto adatto per quei casi in cui si necessita un lavaggio ad aria.

 

 

Il lavaggio dei filtri a sabbia è un processo fondamentale che se realizzato correttamente, permette di ristabilre la capacità di filtrazione del filtro. Con il tempo, il letto filtrante  del filtro a sabbia si riempie delle particelle trattenute e diventa necessario eliminarle. Al tempo stesso, a causa dello sviluppo batterico, il letto tende a uniformarsi di conseguenza è necessario disgregare nuovamente il media per permettere un passaggio omogeneo dell’ acqua per tutto il letto filtrante. Il lavaggio si suggerisce effettuarlo ad una velocità di 40 m/h se si fa con acqua e si farà quando la perdita di carico al filtro aumenta fra 0,5 e 0,8 bar.

 

Nei sistemi di acquacultura ed acquari un metodo efficace per il lavaggio dei filtri e l’ utilizzo dell’ aria. Quando si utilizza aria per lavare, le velocità si stabilizzano sui 60 m3 /h. Da un lato l’ aria inittata ad una velocità di 60 m3 /h esercita un’ azione di disgregamento del media ed al tempo stesso permette un risparmio considerevole nell’ utilizzo dell’ acqua di lavaggio.

 

Salire

 

 

FILTRAZIONE MECCANICA. Filtri a cartuccia

 

La filtrazione a cartucce consiste nel fare circolare, in pressione, un fluido all interno di un contenitore nel quale si trovano alloggiate le cartucce filtranti. Il fluido attraversa la cartuccia filtrante che trattiene gli inquinanti indesiderati.

 

La filtrazione a cartucce è la tecnica di filtrazione più consigliata per quelle applicazioni la cui esigenza in quanto a qualità e sicurezza sono di alto livello. Le cartucce filtranti possono essere prodotte in vari materiali, polipropilene, , pfte, carta, nylon, acciaio inossidabile,  etc.. Si determina l’ impiego di uno o dell’ altro in funzione delle caratteristiche del fluido che deve essere trattato e la qualità finale che si deve ottenere.

 

Le cartucce filtranti possono essere di classse differente in funzione del tipo di filtrazione che si vuole ottenere e possono essere:

 

 

- Filtri di profondità: filtrazione grossolana, chiarificazione . Permettono alti carichi contaminanti.

 

- Filtri a canale: filtrazione di lucidatura per prodotti e protezione di cartucce per filtrazione finale . Permettono bassi carichi contaminanti.

 

- Filtri inorganici: lavorano solo per sgrigliatura. Permettono bassi carichi di contaminanti.

 

- Filtri a membrana: filtrazione finale sterilizzante. Sono una guida di conferma dei risultati di filtrazione. Integrità comprovabile per procedimenti standard non distruttivi in relazione con retenzione batterica.

 

 

 

 

Salire

 

 

 

FILTRAZIONE MECCANICA. Filtri a sacco

 

La filtrazione a sacco è particolarmente indicata per quelle applicazioni  dove il fluido da trattare ha grandi concentrazioni di contaminanti, o sono fluidi che hanno forte viscosità, necessitano per questo un media che sia facile da utilizzare, pche permetta grandi portate ed un costo di filtrazione il più economico possibile.

 

Consiste nel far circolare un fluido da filtrare dentro un sacco filtrante che si trova inserito in un portasacco, fermando i contaminanti  e trattenendoli.

I sacchi possono contare di un’ ampia gamma di misure e materiali di costruzione (polipropilene, ...) approvati dalla FDA e con amplio spettro di filtrazione (da 1 a 1000 micron) che si adattano a qualsiasi tipo di applicazione.

 

Los portabolsas están disponibles en aleaciones especiales, acero inoxidable, acero al carbono y materiales poliméricos, y con diferentes tamaños, desde equipos de una bolsa a equipos multibolsa.

 

I porta sacco sono disponibili in versioni speciali, acciaio inossidabile, acciaio al carbonio, materiali polimerici e con differenti misure, da sistemi a sacco unico a sistemi multisacco.


 

 

Salire