LAGHI E STAGNI


INNOVAQUA, progetta sistemi in grado di risolvere le molteplici problematiche che insorgono in ambienti naturali soggetti all’effetto dell’antropizzazione e inquinamento o anche in laghi artificiali, ornamentali, laddove sia richiesta un elevata qualità dell’acqua.

 

Come tutti gli ecosistemi anche quelli acquatici sono regolati da equilibri delicati, che se alterati possono produrre effetti molto sgradevoli e se collegati ad attività produttive, anche economicamente disastrosi.

 

La profonda conoscenza ed esperienza del personale di INNOVAQUA in questo settore ci permette di proporre macchine studiate per risolvere le diverse problematiche, ognuna con soluzioni a minimo impatto ambientale, prediligendo sempre la tecnologia a più basso consumo energetico.
.

 


EUTROFIZZAZIONE

 

Molti ecosistemi acquatici naturali, sottoposti alla crescente pressione antropica, non sempre riescono a metabolizzare nel proprio ciclo autodepurativo tutta la materia organica che in esso viene a riversarsi, producendo sgradevoli esplosioni algali che possono portare anche all’instaurarsi di condizioni fortemente anossiche, causa principale della moria dei pesci e di emissioni maleodoranti.

 

La forte eutrofizzazione e gli scarichi domestici o industriali nei sistemi acquatici, come fiumi e laghi, porterà velocemente a una situazione non estetica ed ecologicamente insostenibile: proliferazione algale, acque maleodoranti, turbidità, mortalità dei pesci e sedimentazione inappropriata.
.


ANOSSIA


Condizioni prolungate di ghiaccio in superficie e copertura nivale degli specchi d’acqua possono portare a crisi d’ossigeno visto che tutte le forme di vita, anche se a metabolismo rallentato, continuano il loro ciclo vitale, di conseguenza si possono verificare morie delle forme di vita dell’ecosistema acquatico, con conseguante perdita per le attività economiche collegate.

 

Bastano pochi accorgimenti e sistemi a bassissimo impatto ambientale per risolvere brillantemente il problema.

 

Se la copertura ghiacciata si prolunga oltre il normale e se si vedono i pesci nuotare vicino alla superficie sotto il ghiaccio, potrebbe significare che la concentrazione di ossigeno nell’acqua sta calando sensibilmente, questo deficit di ossigeno può portare non solo alla moria dei pesci ma a un incremento degli agenti patogeni e a un conseguante squilibrio dell’ecosistema.

 

Con l’utilizzo dei nostri agitatori, sarà possibile mantenere una zona del lago perfettamente sghiacciata e quindi permettere all’ossigeno di disciogliersi nell’acqua. Questo semplice accorgimento può preservare intatti tutte le forme di vita senza creare traumi o stress all’ecosistema, sia esso naturale o artificiale..


 

GHIACCIO PROLUNGATO


Condizioni prolungate di ghiaccio in superficie e copertura nivale degli specchi d’acqua possono portare a crisi d’ossigeno visto che tutte le forme di vita, anche se a metabolismo rallentato, continuano il loro ciclo vitale, di conseguenza si possono verificare morie delle forme di vita dell’ecosistema acquatico, con conseguante perdita per le attività economiche collegate.

 

Bastano pochi accorgimenti e sistemi a bassissimo impatto ambientale per risolvere brillantemente il problema.

 

Se la copertura ghiacciata si prolunga oltre il normale e se si vedono i pesci nuotare vicino alla superficie sotto il ghiaccio, potrebbe significare che la concentrazione di ossigeno nell’acqua sta calando sensibilmente, questo deficit di ossigeno può portare non solo alla moria dei pesci ma a un incremento degli agenti patogeni e a un conseguante squilibrio dell’ecosistema.

 

Con l’utilizzo dei nostri agitatori, sarà possibile mantenere una zona del lago perfettamente sghiacciata e quindi permettere all’ossigeno di disciogliersi nell’acqua. Questo semplice accorgimento può preservare intatti tutte le forme di vita senza creare traumi o stress all’ecosistema, sia esso naturale o artificiale.
.